In attesa del “secondo vincitore” della Global Solo Challenge

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

Dopo il primo a tagliare la linea del traguardo della Global Solo Challenge, il francese Philippe Delamare su Mowgli, ci stiamo preparando ad accogliere il “secondo vincitore”, la giovane Cole Brauer su First Light. Lasciate che spieghi.

Cole Brauer, completando la sua prova, diventerà la prima donna americana a completare mai una circumnavigazione solitaria non stop passando dai tre grandi capi e scriverà quindi la sua pagina nella storia. Si unirà a un’élite di meno di 200 uomini e donne che abbiano mai realizzato questa incredibile impresa.

Nel 1969, Sir Robin Knox-Johnson divenne la prima persona al mondo a completare una circumnavigazione solitaria a vela senza fermarsi, in un tempo di 313 giorni sul 32 piedi  Suhaili. Non fu fino a quasi 20 anni dopo, nel 1988, che l’australiana Kay Cottee divenne la prima donna a riuscire nell’impresa a bordo della sua Blackmores First Lady di 37 piedi.

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

Da allora, compresa Kay, solo 17 donne sono riuscite a guadagnarsi un posto nel registro dei circumnavigatori solitari (non-stop), mantenuto dall’International Association of Cape Horners (IACH), il cui presidente è proprio Sir Robin Knox-Johnston e il vicepresidente è la leggenda della vela Jean-Luc Van Den Heede, che è venuto ad A Coruña per accogliere Philippe Delamare al suo arrivo.

Anche io sono un Cape Hornier e membro del Comitato dello IACH, ma con un risultato molto più modesto rispetto a quello che Cole otterrà, dato che la mia circumnavigazione nel 2011/2012 è stata in doppio e con scali, mentre Cole farà parte dell’elite più ristretta dei velisti solitari d’altura.

Ho estratto l’elenco delle navigatrici solitarie, per favore perdonatemi e fatemi sapere se accidentalmente ho omesso un nome: 1988 Kay Cottee, 1995 Lisa Clayton, 1997 Catherine Chabaud, 2001 Dame Ellen MacArthur, 2005 Anne Liardet, 2005 Karen Leibovici, 2006 Dee Caffari , 2009 Samantha Davies, 2010 Jessica Watson, 2013 Jeanne Socrates, 2019 Asia Pajkowska, 2019 Susanne Huber-Curphy, 2021 Clarisse Cremer, 2021 Pip Hare, 2021 Miranda Merron, 2021 Alexia Barrier, 2023 Kirsten Neuschäfer.

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

Molti conosceranno il nome di Dame Ellen MacArthur, nota anche attraverso i suoi tre libri, “Taking on the World”, “Race against time” e “Full circle”. La piccola navigatrice britannica si è sicuramente ritagliata un posto molto speciale nella storia arrivando seconda nel Vendée Globe del 2000 proprio dietro al “professore”, la leggenda della vela Michel Desjoyeaux. Penso che in molti modi sia la velista che ha infranto tutti le regole di genere e gli stereotipi nella vela ed è comprensibile che Cole Brauer la citi come una delle veliste che l’ha ispirata.

Non vogliamo certamente trascurare i risultati delle altre veliste in questa lista, Dee Caffari è l’unica velista donna ad aver navigato intorno al mondo in entrambe le direzioni, da est a ovest e da ovest a est, e Kirsten Neuschäfer è stata la prima a conquistare il primo posto assoluto in un evento nella GGR 2022.

Proprio come Dame Ellen MacArthur, Cole Brauer è piuttosto minuta, entrambe sono eccellenti veliste così come anche eccellenti comunicatrici. Tuttavia, c’è almeno una generazione di mezzo tra le due. Ellen, nata nel 1976, è una Gen Xer, che sembra rappresentare bene con il suo individualismo, l’ambizione feroce e l’estrema concentrazione in tutto ciò che fa. Cole aggiunge nuove dimensioni, probabilmente perché è sul cuspide tra essere una Millennial e una Gen Z. Spero che prenderete con un pizzico di sale il mio uso degli stereotipi generazionali nel mio racconto poiché rompere gli stereotipi è di ciò di cui stiamo parlando! Abbiate pazienza, vedrete che è solo un modo di raccontare la storia.

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

I millenni sono nativi dell’era digitale e Cole si è chiaramente distinta durante la Global Solo Challenge per la sua abilità nel comunicare con uno stile moderno che si è differenziato dalla maggior parte dei suoi colleghi, uno stile che ha raggiunto un pubblico ben oltre i tradizionali circuiti della vela. Come organizzatori abbiamo molti dati sul nostro pubblico che normalmente ci aspettavamo fosse principalmente composto da persone della Generazione X, il 90% dei quali maschi. Nel corso dell’evento abbiamo visto che il nostro pubblico, specialmente su Instagram, ha iniziato a cambiare e a diventare diverso da quello a cui eravamo abituati, con una divisione quasi pari, 50-50, tra follower uomini e donne e una distribuzione che ora include molti più Millennials e Gen Zers rispetto ai più tradizionali Gen Xers e ai Boomers. Penso sia giusto dire che è sicuramente grazie a Cole poiché, ad esempio, su piattaforme come Facebook che non sono così popolari tra le generazioni più giovani, abbiamo visto solo un cambiamento marginale nella distribuzione tipica del pubblico.

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

I Millennials hanno segnato un cambiamento nella visione pratica e spesso da focalizzata sul lavoro della vita dei Gen-Xers e hanno iniziato a esprimere con voce più forte la loro insoddisfazione per il mondo intorno a loro, sono ambiziosi e vogliono raggiungere i loro obiettivi: questa sembra essere una descrizione adatta per Cole Brauer che certamente ha scelto concentrarsi per seguire la sua passione, obiettivi e ambizione. Dove lei non sembra davvero adattarsi alle generalizzazioni ampie sui Millennials, è la loro descrizione del 2014 da parte del Time Magazine come la “generazione io-io-io”. Forse Cole racchiude già i tratti dei Gen-Zers sono spesso descritti come migliori nel guardare oltre se stessi e che si ritiene siano stati capaci di dare più voce alle cause sociali rispetto ai loro predecessori.

Cole desidera cambiare come le veliste sono considerate e trattate nel mondo della vela e non parla semplicemente di rappresentanza, come una sterile questione di numeri e percentuali. Cole desidera essere se stessa al femminile e rompere gli stereotipi maschili di questo sport. Come il NY Times ha recentemente messo in evidenza “La signorina Brauer è ben contenta di rovesciare l’immagine del velista professionista. I concorrenti nella Ocean Race e nella America’s Cup tendono a posare per post sui social media in posizione statica con le braccia incrociate alte sul petto, lanciando sguardi severi.” Cole, invece, ha guadagnato i suoi oltre 400.000 follower su Instagram con il suo sorriso, i suoi momenti di pausa dalle gara per prendersi cura di sé e in generale essendo la donna che è senza mai sentire il bisogno di ritrarsi come una versione maschile di se stessa, riuscendo a rimanere genuina e vera.

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

Mentre l’evento pian piano volge verso la sua conclusione, essendo stato dichiarato il vincitore e con gli altri concorrenti che si avvicinano al traguardo finale, si stanno svolgendo sempre più interviste e, come organizzatori, ci viene spesso chiesto cosa pensiamo della partecipazione di Cole. Il primo punto che metto sempre in evidenza è che ho sempre considerato e trattato Cole esattamente come qualsiasi altro partecipante alla Global Solo Challenge. Anche io ho letto e sono stato ispirato leggendo i libri di Ellen MacArthur, tra molti altri, e voglio davvero allontanare immediatamente l’attenzione dalla discussione sul se le partecipanti donna possano competere contro gli uomini in questo sport, penso che questa domanda sia vecchia di oltre 20 anni e non credo che dovrebbe nemmeno essere posta. Quello che cerco di trasmettere è che le barriere che Cole vuole rompere vanno oltre la mera fisicità di essere un uomo o una donna, vuole affrontarne l’essenza. Più di 20 anni dopo Ellen MacArthur, Cole sta competendo nello sport con tutta la sua femminilità e senza sentire il bisogno di cambiare e adattarsi per conformarsi agli stereotipi della vela e non incrocerà le braccia alte sul petto lanciando sguardi severi. Cole, invece, vi regalerà un sorriso caloroso.

Ricordo quando stavamo facendo il servizio fotografico ufficiale prima della partenza e volevo anche io allontanarmi da quell’immaginario di pose eccessivamente serie. Cole saltava su e giù, alzava le braccia e mostrava il suo sorriso luminoso, senza che glielo avessi neanche chiesto, è stato fantastico. Con altri ho dovuto arruolare l’aiuto di mia figlia di 8 anni per fare le boccacce agli skipper finché non avessero altra scelta se di rompere la loro posa e ridere.

Cole Brauer – First Light @colebraueroceanracing

 

Cole incarna molti degli obiettivi che la Global Solo Challenge si è prefissata di raggiungere. La pagina iniziale dell’evento si concentra sul motto “Realizzare un sogno”. Prima di tutto, volevamo creare un evento inclusivo e aperto che permettesse alle persone di partecipare con un budget ragionevole (relativamente parlando) e con la barca di loro gradimento, magari una che già possedevano, purché potessero apportare le modifiche per conformarsi al quadro di sicurezza dell’evento. Tutti i partecipanti condividono questo sogno di completare una circumnavigazione in solitaria passando per i tre grandi capi.

Nel caso di Philippe Delamare questo era un sogno di lunga data e il suo senso di soddisfazione per averlo realizzato era palpabile al suo arrivo. Questo risultato è qualcosa che nessuno e niente potrà mai togliergli e in molti modi ora farà parte del suo nuovo sé. Per alcuni partecipanti, e per Cole più che per altri, la Global Solo Challenge è stata l’opportunità che cercava per dimostrare di cosa fosse capace, e ci è sicuramente riuscita?!

Siamo contentissimi di aver potuto offrire un palcoscenico per le sue ambizioni, anche come prima edizione di un evento, Cole ne ha tratto il massimo e l’ha fatto suo dando in cambio ulteriore visibilità all’evento. Ci sentiamo più come se avessimo preparato la legna ma che alla fine sia stata lei ad accendere il proprio fuoco.