Crowdfunding

Nel tentativo di assistere i concorrenti nella raccolta di fondi per la loro partecipazione alla Global Solo Challenge, gli Organizzatori offrono a ciascun concorrente l’opportunità di creare una pagina personale di crowdfunding sul sito Web dell’evento per raccogliere fondi dal pubblico per il pagamento delle loro quote di iscrizione.

Il servizio è fornita esclusivamente come aiuto ai concorrenti per raccogliere fondi da familiari, amici e sostenitori, una pratica che è diventata comune in molti eventi sportivi sotto il nome generale del Crowdfunding. Gli organizzatori non addebitano alcuna commissione per la fornitura di questo servizio e trasferiscono l’intero importo al concorrente come riduzione delle quote di iscrizione dovute.

I fondi raccolti attraverso il servizio di crowdfunding non sono rimborsabili in nessuna circostanza al donatore o al partecipante e non possono essere ritirati o richiesti dal partecipante. Questi fondi possono solo andare verso la riduzione del saldo residuo delle quote di iscrizione pagabili direttamente dal partecipante all’organizzatore, in caso contrario offrire questo servizio non sarebbe compatibile con la registrazione, leggi e normative attuali.

Qualsiasi campagna di raccolta fondi che raggiunga l’obiettivo del totale delle quote di iscrizione all’Evento verrà automaticamente chiusa.

Gli importi finanziati dal crowdfunding non saranno rimborsati al partecipante o al donatore in caso di ritiro del partecipante dall’evento o annullamento dell’evento. Tuttavia, se l’evento venisse annullato, il 50% di tutti gli importi finanziati dal crowdfunding sarà donato a un ente di beneficenza registrato scelto dagli Organizzatori.

Ci auguriamo che questo servizio gratuito possa aiutare i concorrenti con il loro budget totale almeno nella riduzione del totale rappresentato dalle quote di iscrizione.

Durante la Global Ocean Race 2011-2012 ho creato scherzosamente una pagina sul mio sito web dove il pubblico poteva offrirmi un giro di birre o bistecche e patatine fritte al prossimo scalo. Questo si è rivelato così popolare che nel complesso il pubblico è diventato il mio sponsor numero uno nella mia partecipazione all’evento La pratica del Crowdfunding è molto popolare al giorno d’oggi e Jean Le Cam ha coniato il suo motto “Yes we Cam” attorno alla sua campagna di crowdfunding.” (Marco Nannini)

Il servizio è disponibile solo per i concorrenti iscritti all’evento.

Richiedi la pagina di crowdfunding