François Gouin con il suo Class40 Kawan3 è il 35° iscritto alla GSC

François Gouin di Pornic in Francia è il 35° iscritto al Global Solo Challenge con il suo Pogo 40S Kawan3, un Class40 di prima generazione (Finot-Conq) costruito nel 2008 da Structures. Per François la vela è un’incredibile scuola di vita: rigore, anticipazione, disciplina e, secondo lui, è la disciplina più completa che spazia dal livello fisico, tecnico, a quello emotivo. Voleva partecipare a una circumnavigazione del giro del mondo per i tre grandi capi ma l’opportunità non si è mai materializzata fino all’annuncio della GSC, che rappresenta un sogno per gli amanti dei grandi oceani ma richiede un budget che rende il progetto fattibile. Per François è arrivato il momento di lanciarsi in questa avventura. Gli organizzatori sono lieti di accoglierlo come 35° iscritto al GSC, 11° tra gli skipper francesi, 3° Class40 e 5° tra le barche da regata di 40 piedi.

Intervista

Da dove nasce la tua passione per la vela?

Fin dall’infanzia. Ho scoperto la vela e le derive con i miei genitori e amici in vacanza. Quando ero molto giovane, il mio più grande piacere abitando in città era durante le vacanze percorrere i pontili per ammirare, esaminare e confrontare le barche a vela. Mi faceva sognare. Fin dall’adolescenza abbiamo scoperto con i nostri amici il piacere e l’orgoglio di navigare da soli da un punto all’altro, di giorno o di notte, a volte con vento forte sulla piccola barca a vela di famiglia di 7 metri. Poi molto velocemente ho scoperto quanto fosse ricco e divertente cercare di andare più veloci delle barche a vela intorno a noi e quindi di regatare. Da allora la storia non si è mai fermata!

Quali lezioni hai imparato dalla vela?

La vela è un’incredibile scuola di vita: rigore, anticipazione, disciplina ma anche flessibilità e adattamento agli elementi esterni a cui devi sottostare. Nonostante tutti questi apparenti vincoli, è un immenso spazio di libertà. Non finiamo mai di imparare tecnicamente o a proposito delle nostre reazioni quindi l’ambiente marino richiede molta umiltà.

Cosa ti ha portato alla vela in solitaria?

Sono sempre stato affascinato dai grandi regatanti oceanici in solitaria in Francia e all’estero, e ho aspettato 40 anni per fare la mia prima transatlantica in solitario. Non c’è da sorprendersi sul fatto che sia stata una rivelazione. La regata in solitario è la più completa delle attività a livello fisico, tecnico, ed emotivo. Tutto è lì e tutto è concentrato, devi gestire la gara, la rotta, la barca, te stesso a tutti i livelli. Sensazioni forti.

Cosa ti ha spinto ad iscriverti a questo evento?

C’è sempre stato più o meno consapevolmente un posto per una avventura così grande nella mia testa. Le opportunità sono rare, complicate. Ma i pianeti si sono rapidamente allineati con l’annuncio della GSC, un evento che è il sogno degli amanti dei grandi oceani che però richiede un budget che lo rende un progetto fattibile per un dilettante, con un programma compatibile con la preparazione nonostante la mia attività professionale. È il momento di farlo, non ci saranno molte altre opportunità per me!

Come pensi di prepararti per questo evento?

La mia preparazione sarà incentrata su quella della mia barca. Voglio navigare con una barca con cui mi sento bene, sicuro, che conosco perfettamente.

Quale pensi che sarà la sfida più grande?

Ne vedo 2 (almeno!): trovare il budget per una preparazione il più vicino possibile alle mie aspettative di oggi, per essere sulla linea di partenza – navigare bene per tagliare il traguardo!

Parlaci della tua barca o della barca che vorresti avere.

Ho scelto una barca a vela dimensionata in relazione ai mezzi che spero di poter mobilitare per prepararla come voglio, di dimensioni che rendano sufficientemente agevoli le manovre, e una barca a vela che plani sull’acqua alle andature portanti: Ho navigato su questo tipo di barca a vela nella fascia da 9 a 12m per circa quindici anni, che per me uniscono sicurezza e piacere di navigare su barche plananti. Quindi ho scelto un Pogo 40S di prima generazione, un Class40 di buona costruzione, Kawan3.

Intendi collegare questa sfida personale con un messaggio sociale?

Il progetto è stato costruito fin dall’inizio con il supporto di Unicancer, che è la federazione francese di controllo dei centri del cancro; questo progetto porta al grande pubblico e alla federazione degli ospedali oncologici, il messaggio dei benefici dell’attività fisica adattata alla prevenzione del cancro.

Esperienza di vela

Ho navigato principalmente in regate e crociere sulla costa atlantica, in Bretagna dall’età di 18 anni. Ho completato 7 traversate dell’Atlantico, 6 in regate di cui 4 in regate in solitario (Transquadra), numerose partecipazioni al Fastnet, e tutte le regate atlantiche…

La Barca

Nome della barca: Kawan3

Progetto: Pogo 40S (Finot-Conq)

Numero Velico: TBA

Anno: 2008

LOA: 40ft

Dislocamento: 5000kgs

Invelatura di bolina: 115m2

Invelatura alle portanti: 233m2