Si può applicare un sistema di rating durante un giro del mondo a vela?

Nella stragrande maggioranza degli eventi velici a cui partecipano imbarcazioni di diverso tipo, viene applicato un sistema di compensazione per dare a ogni concorrente la possibilità di vincere.  Il sistema più diffuso si basa sul Certificato Internazionale di Rating (IRC), con cui il Correttore Certificato del Tempo (TCC) – il Rating – si applica al tempo di ogni yacht al termine della competizione, per determinarne il vincitore effettivo. Esistono comunque molti altri sistemi di valutazione.

Il TCC di ogni yacht è calcolato con una formula, nel cui calcolo vengono prese in considerazione le dimensioni della barca: la lunghezza, il peso, il pescaggio, l’attrezzatura, la superficie velica e altre caratteristiche specifiche, come ad esempio il progetto della chiglia. Il correttore di tempo risultante, il TCC della barca, rappresenta il suo handicap (rating). Più è alto il valore del TCC, maggiore è la velocità potenziale della barca. I TCC dell’IRC hanno valori compresi tra 0,750 e 2,000: la maggior parte della flotta di imbarcazioni da crociera/regata presenta valori tra 0,900 e 1,100.

Questo sistema di compensazione, che si applica dopo la conclusione dell’evento, ha generalmente l’effetto di rendere molto più emozionante, per gli spettatori e gli appassionati, la partenza piuttosto che l’arrivo.   Le partenze si trasformano in un ammasso di barche che si contendono le posizioni ottimali per attraversare la linea di partenza, e spesso ciò si traduce in una serie di collisioni, incidenti, invocazioni di penalità e litigi.

Un momento di sport breve ma molto avvincente.

Salvo particolari stravolgimenti, gli yacht più veloci taglieranno il traguardo per primi, seguiti da una lunga sfilata di imbarcazioni che arriveranno ore – o anche giorni – dopo; ma finchè non viene applicato il sistema di compensazione, nessuno è ancora in grado di stabilire chi abbia vinto (se si esclude il premio per il primo a tagliare a il traguardo).

Per la Global Solo Challenge del 2023 abbiamo voluto rendere l’arrivo più entusiasmante, per gli spettatori, i sostenitori e per gli stessi partecipanti.   Abbiamo quindi scelto un sistema per cui l’handicap viene applicato all’inizio: in altre parole, le barche più lente avranno un vantaggio in partenza. L’idea non è nuova, la compensazione è prevista in diversi sport. Esistono veleggiate di circolo organizzate con questa impostazione, ad inseguimento; tuttavia non è mai stato applicato per una circumnavigazione.

Come già detto, abbiamo applicato un approccio matematico per far partire le imbarcazioni in gruppi scaglionati, in modo che vi sia una certa parità tra loro. Le prestazioni degli yacht saranno valutate in base alle caratteristiche specifiche delle imbarcazioni e/o sui certificati IRC e/o su altri sistemi di compensazione.

Le barche partiranno dal porto di La Coruña, Spagna, in gruppi organizzati sulla base del loro rating e del loro tempo ottimale per compiere il giro del mondo. Le prime barche partiranno il 2 settembre 2023, a seguire gli altri gruppi a intervalli settimanali, fino alla partenza delle barche più veloci, che avverrà il 19 novembre 2023, 11 settimane più tardi.

Se questo sistema si rivelerà efficace come speriamo, la flotta si compatterà nel corso della navigazione e le imbarcazioni candidate alla vittoria giungeranno a La Coruña allo stesso tempo. Questa impostazione, che permetterà di osservare le barche più lente braccate da quelle più performanti, renderà la conclusione della competizione più eccitante, per il pubblico e per gli stessi partecipanti.

Chi vincerà dunque, la tartaruga o la lepre?