PATRICK PHELIPON ALLA GLOBAL SOLO CHALLENGE

Buongiorno a Tutti,

Buongiorno Marco Nannini e grazie per avere avuto l’idea della Global Solo
Challenge e di portare avanti questo magnifico progetto ;

Sono anni che penso di navigare intorno al mondo in solitario dopo avere
partecipato con Eric Tabarly alla prima edizione della Whitbread Round the
World Race nel 1973/74. Mi ero iscritto alla Golden Globe Race alla quale
ho dovuto rinunciare per vari motivi, poi ho pensato di ripercorrere la
Lunga Rotta di Bernard Moitessier e stavo piano piano preparando il mio
Endurance 35 “Elbereth”quando il mio amico Ivan Dimov mi ha parlato della
Global solo Challenge, sono andato a leggermi il regolamento che mi è
subito piaciuto ( credevo di avere smarrito lo spirito competitivo ma non
era così ) e mi sono subito iscritto risultando il primo “Full Entry” con
“Elbereth”.

Dopo qualche mese Marco ha modificato le condizioni di ammissione per
quanto riguarda le barche : non più barche di serie prodotte a più di 20
esemplari ma apertura a tutti ( o quasi ) modelli di monoscafi anche non
prodotti in serie ( ben visto Marco ). L’anno prima mi era stata “regalata”
una barca da 11m che avevo progettato negli anni 81/84 per un armatore che
desiderava una barca in Kit per potere fare lunghe navigazioni. Gli fornii
allora lo scafo con le strutture e la coperta realizzati in un mio piccolo
cantiere che avevo in zona Cesena ( Italy ) . Questa barca di nome
“Pelucco” aveva avuto 3 armatori, aveva girato tutto il Mediterraneo ed
aveva bisogno di un profondo refitting. Considerando la variazione del
regolamento e le caratteristiche delle mie 2 barche ho deciso di scegliere
“Pelucco” per partecipare alla Global Solo Challenge.

Man mano che vado avanti nella progettazione del refitting mi sto
orientando verso soluzioni che modificano l’aspetto e lo spirito originale
del progetto e quindi ho deciso che il “Pelucco” tornerà in acqua con il
nome di “EFFRAIE 2” in ricordo del mio primo disegno ( il famoso Mini
tonner Cat Boat ) che vinse la prima edizione del mondiale Mini Ton a La
Rochelle.

Dal 1° settembre 2021 il “Pelucco” privo di chiglia e timone e con gli
interni già smantellati è stato trasportato dalle rive dell’Arno in un
capannone nella zona industriale di Ospedaletto ( PI ) dove cominciano i
lavori di “ricostruzione” in vista della partecipazione alla Global Solo
Challenge.

PATRICK PHELIPON

PELUCCO ALLA FONDA E PELUCCO IN CAPANNONE